Progetti d’asporto

La crisi è un dato, ma gli operatori riconoscono segnali di ripresa, grazie soprattutto alle richieste che provengono da oltrefrontiera. Il mercato è movimentato da acquisizioni, quali la recente Pozzi Ginori inglobata da Gruppo Geberit (attraverso Sanitec): “Possiamo così gestire le attività produttive ma soprattutto quelle di distribuzione”, racconta il responsabile comunicazione per l’Italia Alberto Rovati. Nel 2013 era toccato a Samo inglobare Inda, marchio “molto forte all’estero con una quota vendite del 70%” spiega l’amministratore delegato Denis Venturato, che annuncia un importante rinnovo di gamma. “Geberit è presente in tutto il mondo – fa eco Rovati – ma il nostro mercato di riferimento resta l’Europa”.

Stati Uniti e Medio Oriente confermano l’attenzione alla produzione tricolore, anche se, secondo l’Export & marketing manager di Flaminia Francesco Bravini, “l’instabilità del mondo arabo vanifica a volte gli investimenti di promozione”.

“I nostri articoli sono presenti in oltre 45 Paesi” è la fotografia di Giampaolo Calisti di Scarabeo Ceramiche. Neo sul mercato lamentato a più voci resta il rapporto tra produzione e distribuzione, tanto da indurre Flaminia a guardare a “canali di vendita diversi – aggiunge Bravini -, passando ai due steps idraulico-privato, saltando il grossista”.

Torna il colore, per soluzioni sempre più d’impatto. “Prodotti a elevato grado di personalizzazione che danno importanti risultati sul fronte contract”, precisa Alessio Coramusi, amministratore delegato di Ceramica Cielo.

Mentre la giovane CeaDesign, già punto di riferimento per la nautica e la rubinetteria in acciaio inossidabile, si distingue per una tecnica di colorazione resistente che penetra nel materiale “con risultati dal design molto pulito”, è orgogliosa la titolare Roberta Bertacco. Tonalità “ispirate all’ambiente naturale e acquatico” per la collezione Gastone di CeaDesign, mentre un ‘Bagno di colore’ in quattordici varianti si trova nella gamma di Ceramica Globo.

Il bagno è la stanza più pericolosa di tutta la casa – racconta Jacopo Antoniazzi, general manager di Thermomat – e da specializzati in prodotti per la sicurezza offriamo dotazioni che siano belle e polifunzionali”. Investimenti al via anche per la linea di sanitari Ever di cui al Salone 2016 saranno svelate “cose mai viste”.

L’estetica è senza dubbio regina anche in casa Antrax IT dove i radiatori Tavola Mo e Total Mirror trasformano il calorifero d’antan in complemento d’arredo. E il managing director Alberico Crosetta annuncia la collaborazione con Daniel Libeskind per un “progetto stupefacente presto in catalogo”.

“Stiamo esplorando soluzioni complesse per Spa e Resort”, è il caso di Fantini Rubinetti che sul mercato propone i miscelatori Lamé con design di Matteo Thun & Antonio Rodriguez, “sintesi del dna aziendale tra design e attenzione allo scenario”; parola di Daniela Fantini.

In casa Cielo i riflettori sono per l’ultra sottile Extrà Ceramic, che “con soli 5 mm. di spessore riduce il peso, garantisce maggiore capienza e risparmia materie prime”, commenta Alessio Coramusi. Flaminia è pronta con la nuova linea di sanitari disegnata da Nendo e un’estensione della gamma Archivio, mentre Geberit punta sul vaso-bidet AquaClean Mera, “innovativo e confortevole”.

“Siamo al lavoro su un abbinamento acciaio e legno che stravolgerà l’idea del rubinetto”, rivela CeaDesign. E legno pronto al lancio anche per la collezione di pavimenti Par-ker® di Porcelanosa, gruppo che spazia tra cucine e rivestimenti e a cui si deve lo sviluppo di Krion®, superficie simile alla pietra con proprietà antibatteriche.

“Tra le novità più apprezzate” del Gruppo Samo, “la collezione di mobili Perfetto dal design rivolto alla funzionalità, gli accessori Avenue e le pareti doccia Teknoair caratterizzate da un look minimal”, spiega Venturato, che aggiunge come “La domanda è sempre più orientate al total relax”. E secondo la direzione commerciale Porcelanosa è in atto “un ritorno a un vintage anni 60 rivisitato”. L’importante è che “Il know how di un’azienda abbracci la consulenza”, conclude CeaDesign.

di Paola Romagnoli